Menu Chiudi

Grandi storici come Polibio e Livio raccontano di preziose opere di oreficeria ed argenteria che abbelliscono le case e le mense siracusane sotto Ierone II (275-215 a.C.). Poche opere come il tesoro di Morgantina possono testimoniare la veridicità di quei racconti; i motivi stilistici ed iconografici hanno convinto gli studiosi che gli argenti di Morgantina sono appunto opera di artigiani siracusani del periodo ieroniano, della seconda metà del III sec. a.C. Come era successo alla Venere, agli Acroliti e ad un numero indefinibile di reperti, anche gli Argenti, rinvenuti dai tombaroli, finirono nel mercato clandestino e, attraverso vicende rocambolesche, al Metropolitan Musem di NewYork.


Il tesoro degli Argenti di Morgantina comprende sedici oggetti di argento dorato, di produzione e cronologia diversi.

Nove oggetti sembrano destinati al simposio:
– le due grandi coppe (mastoi) con i piedi a forma di maschere teatrali dove si mescolava il vino con l’acqua e aromi vari;
– la brocchetta (olpe) e l’ attingitoio (kyathos) per servirlo;
– le quattro coppe, di cui tre con il medaglione sul fondo e una con decorazione a reticolo, e la tazza a due anse, per berlo.

Quattro degli oggetti invece avevano certamente una funzione sacra, come testimonierebbe la presenza di dediche votive: 
– il piatto ombelicato (Phiale mesomphalos), che probabilmente serviva per versare liquidi durante i sacrifici;
il piccolo altare (bomiskos), sotto il quale è incisa la dedica agli dei “ΙΕΡΑ ΘΩΝ ΘΕΩΝ”  (sacri agli dei) decorato con ghirlande e bucrani, che si usava per bruciare i profumi;
– le pissidi, di cui una con coperchio decorato con un Amorino (Erote), e l’altra con figura femminile che regge una cornucopia, che servivano a contenere essenze ed unguenti.
I due corni bovini, che furono utili al professore Bell per il riconoscimento, potrebbero far parte di un elmo da parata.

Infine c’ è il medaglione con la raffigurazione di Scilla, appartenenete forse ad un piatto o ad una coppa. La presenza di Scilla, il mostro marino descritto da Omero nell’ Odissea, nel fondo di una coppa per bere, è stata interpretata quasi come un avvertimento minaccioso sui rischi cui si va incontro bevendo tanto vino; la ninfa, terribile nelle sue estremità trasformate in teste di cani feroci e nei serpenti che avvolgono il suo busto che però rimane di una donna bellissima, è rappresentata mentre scaglia un macigno contro il bevitore.

Tutti i pezzi presentano decorazioni vegetali e figurate, raffinate e curate nei dettagli, ottenute attraverso la lavorazione a sbalzo. (la martellatura avveniva dal retro sull’oggetto appoggiato sulla pece e i dettagli venivano realizzati a cesello). La doratura era fatta con la foglia d’ oro che si scioglieva col calore sul decoro ricoperto prima di mercurio.
Sono presenti molte iscrizioni in lingua greca, ottenute per puntinatura e incisione, si tratta sopratutto di dediche votive, come quella nel bomiskos. Su almeno tre oggetti sono presenti notazioni del peso, con lettere e segni secondo un sistema ponderale tipico della Sicilia e della stessa Morgantina, (un’ ulteriore elemento a supporto dell’identificazione del luogo di provenienza del Tesoro).